I protocolli di sicurezza adottati da Centro Florence

PROCEDURE DI ACCESSO

L’organizzazione è volta a minimizzare il numero di persone contemporaneamente presenti nel centro PMA.

Il personale amministrativo deve minimizzare i contatti con i pazienti e lavorare in una posizione schermata rispetto al pubblico.

Fino a completa risoluzione della pandemia il personale sanitario deve indossare, quando indicato, i DPI adeguati alle linee guida in atto.

Con l’eccezione del giorno in cui deve essere effettuata la donazione seminale anche la presenza del partner deve essere ridotta al minimo.

Non è consentito l’accesso di accompagnatori.

Alla coppia è richiesto dotarsi di mascherina, igienizzanti alcolici e/o guanti, che in caso di impossibilità di reperimento personale, saranno messe a disposizione da Centro Florence.

I pazienti candidati all’accesso in struttura per procedure ambulatoriali di controllo (monitoraggio ecografico, spermiogramma), all’atto della convocazione telefonica, vengono informati circa l’orario di appuntamento, da rispettare per evitare accavallamenti, ed invitati a non essere accompagnati, compatibilmente allo stato di salute, per evitare l’affollamento delle sale d’attesa e dei locali per la visita; pertanto il personale addetto provvede al rispetto di quanto indicato.

Viene stabilito un limite di persone da posizionare in sala d’attesa, a seconda della capienza, rispettando la distanza di 1 metro, raggiunto il quale si chiederà alle pazienti di accomodarsi nella sala di attesa al terzo piano oppure di aspettare al di fuori della struttura qualora sopraggiungano dei ritardi.

Come principio generale viene minimizzato il numero di operatori presenti alle procedure.